Akki Games! Capitolo 45 - Saints Row IV: Commander in Chief Edition (PS3)


Rapidamente dopo Saints Row 3, eccoci qui tornati per recensire l'ultimo capitolo uscito di Saints Row 4. Dopo il fallimento del publisher THQ, Volition si è trovata acquistata da Koch Media, ed è solo grazie a questo che siamo riusciti a vedere l'ultimo respiro esalato dalla THQ in punto di morte. Vediamo, quindi, quanta sostanza porta questo Saints Row IV.

La storia
Vi ricordate le battaglie tra gangs dei precedenti titoli (anche se in SRIII erano davvero marginali)? Bene, eliminate tutto, perché ormai i Saints sono diventati così influenti che noi, come capo, diventeremo presidenti degli Stati Uniti d'America per puro caso, mentre disattiviamo con nonchalance un missile nucleare. 5 anni passano da quell'evento vicino alla fine di Saints Row III, e ci ritroviamo in un'America capitanata da noi protagonisti, ma proprio sul più bello arriva una razza aliena che vuole governare, per poi distruggere, la terra. Molti personaggi del precedente Saints Row spariscono completamente per lasciare un maggior focus su un modesto cast di soli 9 personaggi. Il vero focus, però, stavolta, siamo noi protagonisti, nessun altro avrà la stessa profondità del protagonista che sceglieremo di creare e far andare avanti nella storia. Tutti gli altri personaggi sono lì per il puro gusto di mandare avanti la storia, ma non prendiamoci in giro, Kinzie e il protagonista sono più che abbastanza per fare letteralmente tutto nella storia.

Gameplay
Vi ricordate tutta la varietà di Saints Row III? Bene, prendetela pari pari e mettetela nel IV con sistemi di level up e, udite udite, superpoteri! Esatto! Essendo in una realtà virtuale per vari spoiler che non sarò qui ad elencare, ci ritroveremo a raccogliere cluster di dati e soldi in un pazzo collectathon che rievoca in un certo senso i vecchi giochi come Ratchet & Clank o addirittura Banjo - Kazooie. Il leveling system si divide quindi in Clusters e soldi, atti a livellare rispettivamente i superpoteri (che vanno da supercorsa e supersalto a onde d'urto, aure di fuoco e chi più ne ha più ne metta) e le abilità base del personaggio. Ciò che manca a questo gioco è però un'identità propria, una consistenza alla base, che ci fa spesso dimenticare di giocare a un Open World come Saints Row e ci fa confondere il gioco per un inFamous o Prototype. Il che è un vero peccato, dato che le premesse ci sono, le idee pure, ma non vengono assolutamente sfruttate al meglio come nel precedente titolo. L'aggiunta dei super poteri, poi, rende obsoleto l'80% dell'arsenale e dei veicoli nel gioco, rendendo quelle poche missioni di guida una vera noia. Gran parte della vera varietà del gioco verrà sfruttata nel primo decimo del gioco, lasciando il resto delle missioni ad un ammasso di lavori abbastanza ripetitivi.

Comparto tecnico
Dal punto di vista grafico, il motore di Saints Row IV è vecchio e si vede: i singhiozzi sono tantissimi, e si nota un quasi fastidioso effetto pixelatura che rende l'intera visione più sporca e in generale, meno apprezzabile dei precedenti titoli. Gran parte del motore fisico lascia spazio a quello grafico, quindi niente più svolazzi esagerati dei vestiti, così come molta meno varietà nelle cutscenes e comparto audio. Le cutscenes sono pochissime, e le canzoni alla radio sono visibilmente molte meno rispetto ai precedenti titoli. 

Commento finale
Non prendiamoci in giro, Saints Row IV è un more of the same per chi non ne ha avuto abbastanza di Saints Row 3, e ciò è un bene, ma la mancanza di varietà nel gameplay, nella profondità dei personaggi, e nella resa di un mondo di gioco completamente obsoleto e povero di contenuti fa cadere molto la qualità del titolo, che di per sé è sufficiente. Ciò che salva Saints Row IV in corner sono i momenti ispirati, quelli per cui dici "si, ho comprato questo gioco proprio per questo", che seppur siano molto meno rispetto ai precedenti Saints Row, rimangono sempre ispirati e qualitativamente oltre l'assurdo. Questo gioco va comprato per il puro gusto di finirlo insieme al predecessore, e perché no, anche per giocare in un futuro prossimo al secondo capitolo, pensato da molti come il migliore della quadrilogia, da altri come il peggiore. Vedremo in futuro. 

Voto Metacritic: 7.6 - Metacritic è la media generale della critica nell'internet su determinati giochi o film, ho scelto di includerne il voto per dare un'idea su come gli altri hanno reagito al titolo che ho scelto, e per vedere se è concordante col mio voto.
Voto Akki: 6.5

 

Commenti

Post popolari in questo blog

RECENSIONE FILM: Your Name

Akki Games! Capitolo 53 - Sonic Unleashed (PS3)

Akki Games! Capitolo 57 - Assassin's Creed Rogue (PS3)