lunedì 25 aprile 2016

Akki Games! Capitolo 36 - Ratchet & Clank 3 (PS3)



Ci sono volte in cui i brand più famosi tendono ad affacciarsi al mercato mainstream tramite i propri prodotti, spesso con seguiti che sbiadiscono al confronto con i prodotti originali, o ad altri simili meglio riusciti. Oggi daremo un'occhiata a Ratchet & Clank 3, ultimo capitolo della omonima trilogia originaria su PS2, giocato dal sottoscritto in tutto il proprio glorioso HD. 

La storia
Sinceramente parlando, la storia di Ratchet & Clank 3 non è propriamente il cardine fondamentale del gioco. In grandi linee, Ratchet e Clank vengono ingaggiati da misteriosi personaggi per eliminare le minacce dalla galassia e proteggere i pianeti dalla malvagia popolazione dei Tirannoidi, brutti e piccoli alieni che vanno diffondendosi come una piaga nella galassia. In uno dei loro primi viaggi, i due eroi troveranno un Qwark in preda all'amnesia a seguito degli eventi del protopet, e lo porteranno indietro nella nave Fenice per interrogarlo al riguardo di una potenziale minaccia che di lì a poco potrà stabilire con certezza: il Dottor Nefarious. Successivamente al recupero della memoria di Qwark, egli stesso fonderà la Q-Force, ente speciale per la protezione della galassia a cui partecipano tutti i più sgangherati personaggi possibili, e ovviamente, noi, nei panni di Ratchet e Clank.

Gameplay
Nonostante tutto questo incipit, l'idea di base di Ratchet & Clank 3 rimane quella: vai in giro per i pianeti distruggendo tutto ciò che si muove. Le sessioni di sparatutto con la navetta sono sparite, per lasciare il posto a semplici, ma intelligenti ed efficaci, sessioni di protezione delle varie città, aggiungendo un po' di profondità media al gioco. I comandi restano praticamente invariati, semplicemente perfezionati nella fluidità, e vedremo tornare quasi tutti i vecchi gadget più forti, seguiti anche da nuovi potenti quanto i più vecchi. Una cosa che è doverosa essere nominata è la difficoltà generale del gioco: se il secondo Ratchet & Clank poteva essere finito nel giro di 4 giorni, il terzo può essere completato nel giro di soli due giorni, cutscenes comprese. E' un gioco non molto corto, ma davvero molto semplice ed intuitivo, prevalentemente a causa della potenza esagerata di alcune armi rispetto alle altre, problema già verificatosi in molti altri capitoli della saga. 

Comparto tecnico
L'engine è rimasto lo stesso dei precedenti Ratchet & Clank, ma viene mostrata una maggiore pulizia grafica e cura nel dettaglio, sia nei modelli poligonali, sia nelle ambientazioni, vivaci come non mai. Un plauso va anche al comparto audio, con musiche ispirate e ben composte, che non diventano mai troppo invasive.

Commento finale
Ratchet & Clank 3 si presenta come un ottimo connubio tra gameplay e storia, mostrando un more of the same molto gradito e un gameplay/comparto tecnico assai più puliti rispetto ai predecessori. Se avesse avuto una storia un po' migliore e meglio ispirata, sicuramente sarebbe stato il migliore della trilogia, ai miei occhi. 

Nessun commento:

Posta un commento