RECENSIONE ANIME: Nagi no Asukara


Nagi no Asukara è un anime prodotto a cavallo tra il 2013 e il 2014 dalla P.A. Works, del genere sentimentale/drama.

La trama
La trama si incentra inizialmente su 4 ragazzi facenti parte di un villaggio sottomarino chiamato ShioShishio, che per un motivo o un altro si ritrovano a frequentare una scuola della terra ferma. Per strane ragioni, in questo mondo, mare e terra sono divisi dal punto di vista culturale, e nessuna civiltà accetta i pensieri dell'altra. La particolarità, però, riguarda prevalentemente i rapporti tra i vari personaggi, che si sfaccettano in modo più o meno particolare in tutta la durata dell'anime. Ciò che non ha, però, senso, è la totale mancanza di senso di quasi tutte le scene di ogni episodio. Nulla in quest'anime pare avere una motivazione o un senso. Tutto succede per caso, o succede dopo tantissime e inutili forzature che portano i personaggi a fare una decisione sbagliata, o diversa da quella scelta in origine. In aggiunta, i personaggi sono tutti diversi e abbastanza ben definiti, ma ciò non nasconde la pochezza della storia, che si mantiene su un "rifacciamo quello che abbiamo già fatto aspettandoci risultati diversi". Il che avviene comunque perché se no l'anime non avrebbe un minimo di senso di esistenza. In sostanza, quello che vedrete in quest'anime è: 2 miniarc in cui tutti sono tristi per tutto perché si, finché poi non arriva un personaggio secondario che dice "no, vedete che questo non è brutto!" e tutti sono felici. 

Comparto tecnico
Dal punto di vista tecnico, quest'anime è molto curato, sia dal punto di vista grafico che sonoro. Le soundtrack sono la parte più bella della produzione, mentre la grafica tende ad avere alti e bassi, i cosiddetti momenti "quality" che tanto amiamo nel mondo degli anime. Per quanto concerne invece il doppiaggio, anche questo è di buona qualità, ma nulla di cui gridare al miracolo. Nessuna voce è realmente di spicco.

Commento finale
Non lo negherò. Sarò completamente sincero. Quest'anime mi ha fatto venire il mal di stomaco per le tante situazioni risolvibili in uno schiocco di dita ma ingrandite di 100 volte dai personaggi perché se no lo spazio dell'episodio non è riempito. Lo consiglio? Sinceramente... boh. E' un anime Boh. Boh. Nient'altro. Non mi ha lasciato assolutamente niente. 

Voto finale: 10 se siete dei faggots. Se lo guardate con Jonah 6. Se siete Jonah 5. Se siete Akki il voto traballa tra il 6 e il 7, proprio perché c'è un personaggio simpatico.



Amate questa donna.

Commenti

Post popolari in questo blog

RECENSIONE FILM: Your Name

Akki Games! Capitolo 53 - Sonic Unleashed (PS3)

Akki Games! Capitolo 57 - Assassin's Creed Rogue (PS3)