mercoledì 9 luglio 2014

RECENSIONE ANIME: Sankarea


Sankarea è un anime del 2012 di produzione Studio Deen, che prende spunto dal manga omonimo. 

La trama
Furuya Chihiro è il protagonista di questa storia, un ragazzo bizzarro dai capelli a forma di orecchie di gatto con la irrefrenabile passione (e fetish, se così possiamo dire) per gli zombie, e in particolare per i rapporti con le ragazze zombie. 
A seguito di una serie di eventi, Chihiro si è ritrovato tra le mani un misterioso libro, contenente una lista di ingredienti per creare una pozione atta a resuscitare i morti. Sarà proprio dopo la morte del gatto della famiglia che Chihiro proverà a resuscitarlo usando le sue conoscenze e un pizzico di caso per cercare di capire quali sono gli ingredienti mancanti della pozione. Quasi per caso, verrà aiutato da una ragazza di una famiglia molto ricca, chiamata Sanka Rea.
Chihiro e Rea inizieranno a conoscersi, e sarà proprio per aiutare il ragazzo a resuscitare Babu, che Rea approfitterà della pozione prodotta per "rinascere" come una persona priva di tutti i limiti imposti dal padre super protettivo e dalla sua posizione sociale. Insomma, senza troppi ghirigori, diventerà una zombie. Dopo questo evento, l'anime non subirà quasi alcuna variazione tendente al genere Ecchi o Harem, ma manterrà un velo di "mistero" su quelle che sono le conseguenze del mantenimento di un corpo ormai privo di vita. Nel corso dell'anime, Chihiro riceverà tanti aiuti, sia diretti che indiretti, da tutto il cast, i cui elementi più importanti possiedono una backstory di addirittura un episodio intero. Ad aggiungere il tocco finale ci saranno anche i vari prequel alla serie come la conosciamo, così come anche dei cliffhanger per una eventuale serie - seguito.

Comparto tecnico
Dal punto di vista tecnico, Sankarea si trova negli standard degli anime da 12 episodi del 2012, ma viene data particolare importanza soprattutto al sonoro, molto pulito, così come la soundtrack, originale e perfetta per ogni situazione. Dal punto di vista grafico, ci troviamo in una condizione molto buona. Le animazioni sono pulite, e i personaggi hanno uno stile abbastanza stereotipato ma giusto nel contesto.

Commento finale 
Nulla di particolare da dire: Sankarea, con i suoi 12 episodi + 3 special, si presenta come una visione interessante e abbastanza leggera, priva di troppe pretese e di sbavature, sia a livello di trama che tecnico. E' una visione sicuramente consigliata a tutti.

Voto finale:
E' stato seguito il Saimoe Fansub, per scaricare l'anime cliccare qui.

Nessun commento:

Posta un commento