RECENSIONE ANIME: Busou Shinki Moon Angel

Salve a tutti ragazzi! Dopo non so quanto tempo sono tornato per recensire qualche cosina, ed è per questo che ricomincio non da un anime, ma da una serie di piccoli episodi da 5 minuti, 10 in tutto, facenti parte di una serie chiamata Busou Shinki. Enjoy, and stay tuned! Ho delle recensioni da parte ancora non postate, che spero di mettere sul blog (voglia e tempo permettendo).

---------------------



Il Giappone è sempre stato una nazione appassionata di tecnologia: troppe produzioni ce lo ricordano, anime e film in primis, ed è per questo che, in modo intermittente, vengono rilasciati al grande pubblico mastodontiche o piccole produzioni, che ricalcano proprio il solito concetto di "what if". Come sarebbe se il mondo odierno fosse costellato di robottini capaci di aiutarci nei problemi di tutti i giorni? La risposta è in "Busou Shinki Moon Angel", piccolo anime del 2011, prodotto dalla TNK e composto da 10 episodi di 5 minuti ciascuno, atti a fungere da "input" per l'omonima serie successiva.

La Trama
Tutto comincia con una scena di combattimento, frenetica e pericolosa, tra due ragazze apparentemente vestite in uno stile che ricorda Black Rock Shooter. Nulla, però, può darci il minimo avviso che questa battaglia è ad altezza di bambola. E' così che veniamo introdotti nell'universo di Busou Shinki, in cui il nostro protagonista, un ragazzino di nome Tsubasa, desidera uno di questi robottini, che a quanto pare hanno la stessa utilità dei Chobits: aiutano nelle faccende di tutti i giorni, e in più combattono. Non ci vorrà molto per capire che la nostra robottina bionda chiamata Kaguya (perché ritrovata da Tsubasa in una notte di luna piena) non è un normale robottino, bensì un esemplare costruito per un esperimento, atto a creare la Shinki finale, un robot da combattimento, armato di armi vere.

Lato Tecnico
Essendo una produzione di pochi episodi da pochi minuti, l'animazione è concentrata al massimo, e viene sfruttata per compensare dove la trama diventa troppo lineare. Linearità della trama a parte, si può notare un piacevole stile grafico, accompagnato da animazioni 3D nei combattimenti e soundtrack orecchiabili.

Lo Consiglio?
Si, per chi vuole perdere tempo. Non è malaccio come produzione a sé stante, ed è carino da vedere se ci si vuole avvicinare alla serie del 2012, composta da 12 episodi di lunghezza standard.
Voto Finale:  6.5

Commenti

Post popolari in questo blog

RECENSIONE FILM: Your Name

Akki Games! Capitolo 53 - Sonic Unleashed (PS3)

Akki Games! Capitolo 57 - Assassin's Creed Rogue (PS3)