sabato 12 ottobre 2013

Akki Games! Capitolo 16 - Heavy Rain Move Edition


E' passato poco tempo dall'uscita del nuovo titolo della quanticdream, Beyond: Two Souls, gioco molto acclamato e atteso da molti. Io, dalla mia parte, però, sono riuscito a rimediare una copia di Heavy Rain, in questo caso l'edizione del move. Quale può essere la migliore occasione, se non quella di giocare Heavy Rain in Ottobre, proprio a ridosso dell'uscita del "seguito" che contiene una serie di elementi molto simili al titolo precedente? Senza ulteriori indugi, cominciamo con la mia personale recensione di Heavy Rain: Move Edition.

Piove sempre!
All'inizio avremo la possibilità di conoscere tutti i personaggi nelle loro più minime sfaccettature, attraverso una serie di piccoli tutorial che spiegano ogni tipo di movimento da effettuare per fare determinate azioni. Attenzione però: seppur questo gioco sia nominato come "Move Edition", non ha niente di diverso, nemmeno nei controlli, rispetto a Heavy Rain versione standard. E' solo ottimizzato per il Playstation move, ma si può usare benissimo anche il controller standard. Detto questo, i personaggi che potremo comandare saranno principalmente 4: Ethan Mars, il nostro protagonista, che a seguito di un incidente con unica vittima uno dei suoi due figli, si ritroverà all'interno di un delitto di un particolare assassino, chiamato "dell'origami" (visto il suo modus operandi); Norman Jayden, un agente dell'FBI che lavora al caso utilizzando un paio di occhiali che creano un ambiente virtuale, ed è purtroppo succube di una particolare droga; Madison Paige, una giornalista che incontrerà Ethan piuttosto avanti nel gioco; Scott Shelby, un investigatore privato che lavora al caso utilizzando un'impronta di raccoglimento indagini piuttosto vecchio stile. Questi quattro personaggi incroceranno le loro strade molte volte prima di arrivare al finale, che in questo caso si dirama in tante possibilità. Essendo un vero e proprio film interattivo, infatti, ci potremo trovare di fronte a una moltitudine di scelte, che cambieranno radicalmente il finale. E' compito del giocatore quello di avere prontezza di riflessi ed elasticità nelle scelte. Per quanto concerne l'andamento della storia, c'è da dire che all'inizio fatica un po' a partire, data l'atmosfera davvero pesante che si respira, influenzata particolarmente dalla pioggia e dal sonoro. I personaggi, come già detto, sono stati caratterizzati molto, quanto più possibile. Sembrerà di comandare una persona vera, e ciò è incentivato anche dai vari pensieri, accessibili in qualsiasi momento tramite la semplice pressione del tasto L2.

Lato tecnico
Dal punto di vista grafico, troviamo un motore grafico realistico, che si ottimizza nei momenti più concitati, trovando però gravi cali di frame rate in alcune riprese. Tutto ciò, purtroppo, può drasticamente variare l'andamento del gioco, principalmente a causa del fatto che il gameplay si costruisce tutto sui cosiddetti Quick Time Event. Per quanto riguarda il sonoro, le tracce sono davvero molto belle, e conferiscono un'atmosfera di malinconia e tristezza all'intera storia. Il doppiaggio, poi, è disponibile in più lingue. E' la prima volta nella mia vita che un doppiaggio italiano sia così ben caratterizzato rispetto alla controparte inglese, anche se c'è da dire che in alcuni punti vi è una forte mancanza di espressività da parte di alcuni personaggi (esempio Madison). 

Commento Finale.
Heavy Rain: Move Edition non ha propriamente bisogno di presentazioni. E' un gioco abbastanza vecchiotto, ma molto attuale, visto l'ambiente in cui è costruito interamente. C'è da dire però che seppur la storia sia molto bella, sono incorsi alcuni bug a livello grafico/sonoro, che spero vivamente che siano assenti nell'edizione standard del gioco. A parte questo, però, la storia è completamente godibile anche in una sola seduta, anche se bisogna avere una certa pazienza nel fare tutto come si vuole al primo colpo. In conclusione: lo consiglio? Si, a chi ha voglia di immergersi in una storia profonda e con finali multipli.

Voto Finale: 8


Nessun commento:

Posta un commento