Hot or Not? WET (PS3)

Immagine
Salve a tutti, ragazzi, e bentornati in "Hot or Not?", la rubrica conveniente per gli Akki che non vogliono finire i videogiochi, ma vogliono comunque scrivere il loro parere sui giochi che non hanno finito! Ebbene, quest'oggi prendiamo in rapido esame un gioco che ho comprato anni e anni or sono in edicola (che voi ci crediate o no, in edicola, prima, vendevano videogiochi), pagato ben 14,90 euro e creato da Artificial Mind & Movement (oggi conosciuta come BEhaviour Interactive, che ha prodotto un sacco di giochi, tra cui la definitive edition di Halo Wars e una quantità smodata di titoli tie-in) e pubblicato da Bethesda, la compagnia famosa per le longeve serie di Fallout, The Elder Scrolls e molto altro ancora.  E quindi, senza ulteriori indugi, buttiamoci nel gioco di oggi, chiamato "WET", dal termine "Wetwork", che secondo il gioco intende "un eufemismo che allude a mani completamente bagnate dal sangue". Eeeeh, che esagerazione.

La T…

RECENSIONE ANIME: Little Busters!



Little Busters! è un anime creato nel 2012 dalla JC Staff in collaborazione con la Key.

La Trama
Little Busters è un'altra delle tante visual novel della KEY, casa produttrice molto conosciuta in giappone per  la qualità dei suoi lavori e per la forza dei climax che riesce a raggiungere nelle storie composte. Ebbene, una delle caratteristiche di quest'anime è appunto la grande forza sopita in esso, che va crescendo in tutta la produzione, fino a raggiungere il suo apice nelle battute finali. Impareremo a conoscere l'universo di Little Busters partendo da Naoe Riki, un ragazzino piuttosto timido e introverso, che ha un gruppo di amici di infanzia, i "Little Busters". Mentre sono insieme, un giorno, Kyosuke, il leader del gruppo, decide di creare un gruppo di Baseball. E' per questo espediente che Riki sarà costretto a trovare nuovi membri, per arrivare al numero di giocatori pari a 9. E' qui che si nota la componente visual novel, veramente molto marcata dal fatto che sia quasi del tutto simile in composizione ai già conosciuti Clannad e Kanon, già facenti parte della "sacra trinità" che compone la collaborazione di Key con Kyoto Animation. Se, però, in Clannad, Kanon e Air, i produttori si sono concentrati di più a creare qualcosa più dedicato ad argomenti importanti quali l'amore o la famiglia, in Little Busters notiamo un nuovo e incredibile tema ricorrente: l'amicizia. Non importa se Naoe non si legherà a nessuno nel corso della storia, ciò che è importante è solo e soltanto l'amicizia. Far capire a chi ti sta accanto che ci sei e può contare su di te è una delle morali che insegnano Little Busters, usando, senza troppi mezzi termini, degli argomenti e situazioni forti, che riescono in modo convincente a mantenere legati allo schermo. Meno delineata è, invece, la caratterizzazione dei personaggi: alcuni di questi sono troppo poco presenti, o hanno uno sviluppo nella storia veramente minimo, poichè di parte e secondari. Questo può essere un lato negativo fortemente influenzato dal fattore "visual novel", che in puro stile Key, tende a riciclare alcune battute cambiandone gli argomenti o i contesti. Nulla che possa minare la qualità e lo stile dell'anime, dato che si nota veramente tanto che questa produzione sia della Key.

Lato tecnico
Le pecche iniziano a trapelare per quanto ne concerne il lato grafico. Anche se non metto mai in prima linea la qualità del disegno, credo che il character design sia poco delineato rispetto alle controparti KyoAni, e che le animazioni siano veramente una spanna sotto allo standard qualitativo della JC Staff, se non dell'intera produzione 2012. I personaggi si muovono poco e sono scarsamente espressivi, o almeno, non quanto basta per migliorare la componente "immedesimazione", sempre importante per me e sempre una costante negli anime di questo tipo. Dal punto di vista sonoro, invece, notiamo fantastiche soundtrack, maggiormente composte al piano o con una chitarra, mentre le opening ed ending sono in puro stile anime Key, una sola di ciascuna per ogni serie, e in grado di scolpire uno spazio non indifferente nel cuore e nella mente dello spettatore.

Commento Finale
Little Busters! è un esperimento ben riuscito della Key per creare qualcosa di nuovo e innovativo in formato anime. Non è sicuramente una delle migliori trasposizioni anime della casa produttrice, ma sa il fatto proprio, e non è da disprezzare. I personaggi sono delineati quanto bastano, così come le vicende e la varietà di queste. A mettere la ciliegina sulla torta è proprio il finale, che ci lascia intravedere (un po' come accadde con Clannad) una sorta di After Story, che non può che lasciarmi un grande sorriso stampato in faccia. Lo consiglio? Si, ma solo a chi sia "di casa" per quanto riguarda questi anime, e solo a chi abbia già un minimo di esperienza in questo vasto campo.
Voto Finale: 7.5. Consideratelo 8 quando uscirà la seconda serie.
Qualità Fansub: IMattiDel93 sono un gruppo fansub uscito veramente dal cilindro del mago. Bravini, ma sono presenti alcuni errori ortografici. media.

PRO: + Storia coinvolgente; + Tanti personaggi diversi; + Climax ben pensato; + E' Key.
CONTRO: - Chara design e animazioni scontate; - Alcuni personaggi non hanno il giusto spessore.

Commenti

Post popolari in questo blog

Akki Games! Capitolo 80 - Owlboy (PS4)

Hot or Not? WET (PS3)

Akki Games! Capitolo 79 - Vanquish (PS3)