RECENSIONE ANIME: Zero No Tsukaima Futatsuki No Kishi


Zero no Tsukaima Futatsuki no kishi è la seconda serie della già celebre (ai giorni nostri) serie Zero no tsukaima, italianizzato in "il famiglio di Zero". Prodotto della JC Staff, fin dall'inizio si presenta molto convincente. Vediamo perchè.

La trama
Seguendo il filone storico della precedente serie e iniziando con un "what if.." del finale della prima serie, veniamo ancora una volta catapultati nello strambo mondo magico di Louise Françoise e vivremo le varie vicende nei panni del ragazzo che risponde al nome di Hiraga Saito. Bene o male, la JC Staff ha voluto abusare del concetto "squadra che vince non si cambia", incentrando la maggior parte delle gag in eccessi di tsundere della protagonista, alle volte simpatici, alle volte veramente fuori luogo. Cosa compensa, però, questa eccessiva ripetitività? Semplice: una storia da oscar! La seconda serie, infatti a mio parere, è la migliore della "trilogia" (non avendo visto ancora la quarta serie, posso valutare questa serie solamente confrontandola con le altre due) e supera perfino la precedente con una caratterizzazione veramente ottima dei due protagonisti principali, nonchè anche della principessa di Tristain, Henrietta. I personaggi secondari, come si può già immaginare, sono veramente pochi stavolta, e molti di quelli che abbiamo visto nella prima serie escono di scena già dal terzo episodio (per poi naturalmente ritornare nella terza serie). La storia si presenta molto più smielata e piena di amori già dalle prime battute, e ciò (almeno per me) è un bene, perchè aggiunge un "non so che" di più alla serie, mettendola un gradino più in alto rispetto alle altre.

Lato tecnico
Dal lato tecnico si notano enormi passi avanti, basti guardare la grafica adottata in questa serie: i bordi sono stati assottigliati e ingentiliti, i volti sono più espressivi e i corpi sono più proporzionati. Davvero un bel lavoro! Una cosa che non posso concepire però è il rigonfiamento del decolletè di alcune delle ragazze presenti nella serie. Basti ad esempio guardare Siesta: nella prima serie era una tavola piatta, nella seconda sembra che sia stata gonfiata con un compressore. Dal lato sonoro invece abbiamo le stesse OST, ma una opening e una ending degne di nota (soprattutto la opening, che tutt'ora mi piace ascoltare con le cuffie nei tempi morti).

Commento finale
Zero no tsukaima Futatsuki no kishi si presenta una spanna più in alto rispetto alla sua serie precedente e alla sua successiva, grazie a un buon comparto tecnico ed a una storia convincente. Peccato solo per le gag poco varie, tranne negli ultimi episodi, in cui lo spettatore si può fare più di un paio di risate. Lo consiglio? Assolutamente si, ma bisogna prepararsi prima psicologicamente per superare 4 serie con una ragazzina tsundere. Uomo avvisato, mezzo salvato!
Voto finale: 9
Qualità fansub: alta - I Kanjisub hanno fatto passi da gigante strutturando anche dei karaoke veramente originali!


Commenti

Post popolari in questo blog

RECENSIONE FILM: Your Name

Akki Games! Capitolo 53 - Sonic Unleashed (PS3)

Akki Games! Capitolo 57 - Assassin's Creed Rogue (PS3)