Akki Games! Capitolo 83 - WarioWare Inc.: Minigame Mania (Nintendo 3DS/GBA)

Immagine
Questi sono tempi stupendi, per Nintendo! Con l'avvento dello Switch lo scorso anno e una valanga di nuovi titoli (tra remaster/remake, multipiattaforma, e qualche nuovo titolo anche per 3DS) ce n'è davvero per tutti. Sorprendente è il ritorno della serie "WarioWare", fortunata collezione di microgiochi dallo charme ricercato e simpatico quanto basta, che ha illuminato un faro piuttosto forte sulla figura anti-eroica di Wario. Certo, è peccato che la sua controparte Camelotiana (Waluigi) non abbia ancora avuto la sua personale dimensione, ma per il momento ci accontentiamo. Approfittiamone, quindi, in occasione dell'uscita di WarioWare GOLD su 3DS, per rivisitare il primo, glorioso titolo della serie su GBA. 
La Trama
Sebbene questo sia un gioco di Wario, non dubitate neanche per un momento della presenza di una trama, perché c'è ed è stupidamente realistica per un personaggio del genere.  Wario è in casa sua e sta guardando la TV, quando a un tratto appare su…

RECENSIONE ANIME: Kami Nomi Zo Shiru Sekai




Kami Nomi Zo Shiru Sekai (o in inglese "The World God Only Knows") è una delle serie del 2010 prodotte da Manglobe.

La trama
Una demone carina e timida e un ragazzo otaku appassionato, se non dipendente, dalle novel: è così che inizia la storia di Kami Nomi. Un ragazzo di nome Keima Katsuragi, in uno dei suoi normali giorni di scuola passati a giocare con la sua amata PFP all'Eroge di turno, riceve come al solito varie mail. Egli è infatti il Dio della conquista, colui che ha la capacità di fare qualsiasi visual novel o eroge al 100% in tempi record, addirittura immedesimandosi nel protagonista. Questo però è un dettaglio: il punto focale della situazione sta nel fatto che Keima adora solamente le ragazze del mondo dei videogiochi. Potremmo definirlo come un tipo dalla mentalità chiusa, insomma, un tipico "ramo" dell'enorme albero genealogico del nerd: 0 vita sociale, 100% immedesimazione nel mondo dei videogame. Ma ora torniamo alla trama. Questo simpatico ragazzo, tra le mail ricevute quotidianamente, un giorno ne legge una, che gli sembra più come una sfida. La mail recita più o meno così: "Sei in grado di conquistare tutte le ragazze?". Lui naturalmente risponde positivamente, ed è proprio da qui che inizieranno le sue disavventure con la demone Elcie (che per l'occasione si fingerà essere la sorella di Keima per restare a stretto contatto con lui) per conquistare tutte le ragazze che hanno intrappolato nel loro cuore uno spirito, che reprime i sentimenti delle stesse. Questa situazione è proprio da visual novel: si inizia la storia di una ragazza, la si finisce e si torna al punto di partenza, procedendo con un'altra ragazza. I personaggi sono pochi e abbastanza ben delineati. Una cosa molto simpatica infatti sono le gag che si basano sui caratteri dei personaggi, che strappano ben più di qualche risata.

Lato tecnico
Dal punto di vista tecnico, tutto si mantiene negli standard anime del 2010. Uno stile grafico semplice e ben fatto rilassa la vista durante la visione e dà un senso di benessere all'interno dello spettatore. I fondali sono ben fatti, così come le animazioni dei personaggi, che però si mostrano comunque un passo indietro per colpa dell'annata anime. Dal punto di vista sonoro son presenti Soundtrack fantastiche, così come l'opening e la ending, veramente ben fatte.

Commento Finale
Kami Nomi Zo Shiru Sekai, da ciò che può sembrare, è un anime quasi da tutti i punti di vista impeccabile, ma ci sono comunque alcune note negative che fanno un po' storcere il naso. Prima tra tutte è la ristretta cerchia di gente a cui è indirizzato l'anime. Non tutti giocano alle visual novel o agli erogame, perciò non tutti possono capire le numerose gag presenti. In secondo luogo, fin dall'inizio l'anime ha una sorta di ripetitività abbastanza snervante, che può far incorrere nello spettatore l'idea di "stallare" l'anime, per poi eventualmente "dropparlo", facendo perdere a quest'ultimo parecchie risate e parecchi bei momenti, ben strutturati sia dal punto di vista grafico che sonoro. Nonostante tutto questo, però, c'è da dire che la situazione è giustificabile dal fatto che l'anime tratta di visual novel e si sviluppa come una visual novel. Nulla comunque giustifica il fatto che non ci sia abbastanza spazio per tutti i tipi di spettatori. Tirando le somme, Kami Nomi Zo Shiru Sekai è uno di quei tipici anime che odi o adori alla follia. Io onestamente non l'ho odiato nè adorato, ma sono riuscito a guardarlo dal punto di vista "asettico" della situazione, carpiendone il voto più giusto.
Voto Finale: 7 e mezzo, arrotondato a 7. Perchè ho deciso questo voto? Perchè voglio confermare l'8 con la seconda serie, che son sicuro che sarà molto meglio della prima.
Qualità Fansub: Non mi ripeto troppo, i F&F Sono bravissimi, anche se hanno fatto un po' di "messing up" nei karaoke per colpa delle lyrics della ending, ma niente di troppo preoccupante. Medio/ Alta

Commenti

Post popolari in questo blog

Akki Games! Capitolo 83 - WarioWare Inc.: Minigame Mania (Nintendo 3DS/GBA)

RECENSIONE ANIME: Charlotte

RECENSIONE ANIME (archivio): EF- A tale of memories